sample-ad

Dopo la positiva collaborazione venutasi a creare in occasione della mostra “TUTTI IN MOTO! – Il mito della velocità in cento anni di arte” la Fondazione Pontedera per la Cultura propone un nuovo percorso formativo per la mostra “La Trottola e il Robot. Tra Balla, Castrati e Capogrossi”, una spettacolare mostra dedicata al gioco e all’infanzia in genere.

E’ particolarmente evidente quanto questa mostra sia adatta ad un pubblico di bambini e di ragazzi delle scuole: certamente il tema, elemento essenziale della loro quotidianità, permette di familiarizzare in modo ancora più diretto i più giovani con i linguaggi e le pratiche dell’arte ma sono molteplici gli stimoli di qualità che offre: conoscere la storia attraverso l’evoluzione del gioco e del modo di giocare
nonché dell’ambiente e della società in cui si è giocato e si gioca. I più giovani inoltre potranno realizzare e scoprire come un elemento tanto importante della loro quotidianità sia stato catalizzatore di attenzione di tanti grandi artisti.

Negli spazi del PALP i bambini e i ragazzi potranno sperimentare come l’opera d’arte possa diventare materiale didattico prezioso e insostituibile per sensibilizzare , costruire e dar vita all’immaginario.

Se nel gioco si coltiva la spontaneità e la curiosità infantile, nel laboratorio didattico di autocostruzione con materiale di riciclo ancora più si sviluppa la fantasia, la creatività, e la libertà di pensiero favorendo la sensibilità e il rispetto verso l’ambiente che circonda il bambino e il ragazzino.
Per quest’anno la Fondazione Pontedera per la Cultura propone ancora una volta l’organizzazione delle visite guidate alla mostra, ma ha attivato una preziosa collaborazione con la Cooperativa Arnera per i Laboratori Didattici di educazione ambientale.
Siamo quindi in grado di un offrire un pacchetto costituito da visita guidata + laboratorio specifico che varia a secondo del laboratorio prescelto.

1) CARTE GIOCO SUI RIFIUTI (per scuole primarie e scuole secondarie di primo grado)
Attraverso la costruzione di un gioco da tavolo e l’utilizzo del medesimo, i bambini e le bambine impareranno alcune pratiche ecologiche da svolgere quotidianamente e apprenderanno il significato di smaltimento, riciclo, recupero e riutilizzo dei materiali di scarto.

2) COSTRUZIONE DI GIOCHI DA TAVOLO (per scuole primarie e scuole secondarie di primo grado)
Raccolta e selezione del materiale di scarto che troviamo a scuola e nelle nostre case per costruire tanti giochi da tavolo con i quali potersi divertire durante la ricreazione. Impareremo a selezionare e ad assemblare materiali diversi, a studiare il funzionamento di un gioco da tavolo e a costruirne tanti e diversi.

3) ARTE POVERA (per scuole primarie e scuole secondarie di primo grado)
Osserveremo opere d’arte raccolte nei principali musei del mondo e studieremo i materiali di scarto che grandi artisti hanno utilizzato per le proprie creazioni. Questo ci servirà per cercare il nostro materiale, gli oggetti di scarto che serviranno alla nostra creazione scultorea. La scuola poi si trasformerà in un grande museo di arte contemporanea nel quale esporre le nostre creazioni.

Fondazione Pontedera per la Cultura e Geofor un anno fa hanno scommesso su arte e scienza ambientale contro la sovraesposizione di stimoli vuoti a cui i nostri giovani sono sottoposti quotidianamente.